Search
× Search

Lo Spazio di Trotula

LO SPAZIO DI TROTULA

Trotula De Ruggiero è la figlia di un nobile arrivato in città con la corte del Principe Arechi, siamo a Salerno nell’XI secolo. Trotula è allevata da una madre molto attenta e interessata ai saperi, al benessere alla salute del corpo come dello spirito, non sottomessa al potere delle religioni. Frequenta la Scuola Medica - un crocevia di saperi, la prima istituzione medica d’Europa - ed è una delle poche donne ammesse nella Scuola, l’unica ad aver lasciato traccia della sua opera. Si occupa della salute delle donne, la loro fertilità e il loro benessere, conosce le erbe, è in grado di curare e alleviare ogni dolore con le piante del suo giardino e quelle delle colline della zona.  Trotula studia con attenzione e diviene un medico, nonché riesce ad ottenere lo status prestigiosissimo di Magistra riconosciuta, stimata e apprezzata dai più grandi uomini di medicina e di scienza dell’epoca.

La figura di Trotula scorre lungo il Medioevo in netto contrasto con le altre figure, tutte maschili che avevano accentrato l’esercizio del potere, della cultura e della Scienza.  Autrice del De passionibus mulierum curandarum, un trattato di ginecologia e ostetricia (noto come Trotula maior), e del De ornatu mulierum, un trattato di cosmesi (Trotula minor). Questi testi sulle malattie delle donne sottolineano la differente fisiologia, le infermità, prima durante e dopo il parto, mettono in evidenza come le donne assistite da un’altra donna “per pudore e per innata riservatezza non osino rivelare a un medico maschio le indisposizioni” possano dissipare paure e chiusure. Trotula mostra, dunque, un’attitudine a sistematizzare e tramandare per iscritto le sue conoscenze cliniche, attraverso il primo compendio di medicina femminile scritto da una donna, di cui si abbia notizia. Descrive e difende quel che solo nel nostro secolo viene chiamato Relazione d’aiuto. Accoglienza, Ascolto, Risonanza, Terapia. Relazione. 

Per questo abbiamo pensato di dedicare questo spazio a lei. Per continuare a credere che solo nell’incontro reale e concreto con l’altro, solo nell’esperienza relazionale e nell’attenzione al contesto in cui le cose accadono si possa veramente parlare di cambiamenti. Di Cambiamenti Terapeutici.  

LAVORI DEGLI ALLIEVI

 

Realizzato da Rubrik Srl

Termini Di Utilizzo Privacy Copyright 2022 by ISPPREF Salerno
Back To Top