Corso di Alta Formazione 

  

LA COPPIA IN TERAPIA 

Il corso si propone di dare una visione d’insieme della coppia in terapia puntando su strategie operative come le prescrizioni

in ambito sessuale oltre a nuovi strumenti d’intervento fra cui i Protocolli di Psicologia Aumentata (A.P.P.)

Durata del corso: 2 giorni (8 ore + 8 ore) - Costo 250 euro. 

Corso pratico per la gestione delle complessità di coppia.

 

 

Master di II° livello in Psicodiagnostica Clinica e Forense

Presentazione L’Esperto in Psicodiagnostica Clinica e Forense è capace di somministrare e interpretare i più importanti test e questionari di personalità e d’intelligenza. In particolare è capace di gestire procedure psicodiagnostiche nell’ambito della psicologia dell’adulto e della psicologia dell’età evolutiva, in ambito clinico e forense, acquisendo competenze specifiche nello stilare relazioni psicodiagnostiche e peritali.

Obiettivi Il Master in Psicodiagnostica Clinica e Forense, attraverso incontri di gruppo teorico-pratici, si propone di fornire competenze specifiche rispetto ai seguenti test:

  • WAIS IV, RORSCHACH, MMPI-2, TAT, TEST GRAFICI (batteria completa) – area adulti;
  • WISC IV, PM47, DSA e ADHD (batteria estesa) – area evolutiva;
  • LOSANNA TRIADIC PLAY, FAMILY RELATION TEST, DISEGNO CONGIUNTO DELLA FAMIGLIA – area relazionale.
  • TSCC, QPAD, SCL90-R - area adolescenti

Durata Il Master in Psicodiagnostica Clinica e Forense si articola in 12 mensilità per un totale di complessive 200 ore di lezione, suddivise in unità didattiche di 148 ore + 52 ore per lo sviluppo della tesi e supervisioni. Costo 1.300 euro.

Destinatari Laureati in psicologia e medicina.

Modalità d’iscrizione Per iscriversi al corso è necessario effettuare un colloquio informativo con il responsabile del master prima dell’iscrizione.

Attestato Al termine dell’anno ogni corsista produrrà un elaborato scritto (tesi) e sosterrà un esame finale. Previo superamento dell’esame finale, l’allievo consegue il titolo finale.

Sede del corso      

  •  ISPPREF SALERNO : Corso Giuseppe Garibaldi 31

Info del corso

  • Dott. Vincenzo Amarante – 3397330166 - dott.amarante@gmail.com
  • Dott. Mario Brengola - 3286199027 - mario.brengola@gmail.com

 


Corso di Alta Formazione

 

LA PERIZIA PSICOLOGICA

Durata del corso: 2 giorni (8 ore + 8 ore) - Costo 250 euro.

 

Corso pratico nel quale verranno visionati e trattati i seguenti argomenti:

La perizia psicologica e l’analisi della domanda nei vari ambiti applicativi

Perizia sul danno

Perizia su affido di minori

Perizia su caso di abuso

Perizia su maltrattamento minorile

Perizia su caso di omicidio

Perizia su caso di mobbing

P.C.T.  (Processo Civile Telematico)

 

Info del corso

  • Dott. Vincenzo Amarante - 3397330166 - dott.amarante@gmail.com
  • Dott. Mario Brengola - 3286199027 - mario.brengola@gmail.com

Corso di Alta Formazione

 

LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE E CAPACITA’ GENITORIALI

PREMESSA

I professionisti che operano come CTU nei Tribunali Ordinari vengono spesso  chiamati a valutare le competenze genitoriali delle parti in causa nelle cause di separazione e divorzio  per aiutare il Giudice a definire le modalità di affidamento più adeguate  della prole minore .

La legge n. 54/2006 ha stabilito come regola l’affido condiviso, ma quando i coniugi non riescono a trovare un accordo “funzionale” per la crescita, istruzione ed educazione dei figli, il Giudice può ricorrere all’affidamento esclusivo dei figli.
Stabilire se e quanto ciascun coniuge sia capace di essere un “buon” genitore, ovvero se vi è – e di quale entità, eventualmente – incapacità in uno dei genitori (o in entrambi), per disporre l’affidamento dei figli in modo diverso da quello previsto dalla legge, è il quesito cui deve rispondere il Consulente Tecnico d’Ufficio, consapevole che il suo parere andrà a costituire parte della conoscenza del caso di specie che farà optare il Giudice per l’uno o l’altro istituto (affidamento condiviso o esclusivo).

La cosiddetta “valutazione della genitorialità” è una complessa attività di diagnosi, che deve tener conto di diversi parametri, maturata in un’area di ricerca multidisciplinare che valorizza i contributi della psicologia clinica e dello sviluppo, della neuropsichiatria infantile, della psicologia della famiglia, della psicologia sociale e giuridica e della psichiatria forense. 

La genitorialità, infatti, non è riducibile alle qualità personali del singolo genitore, ma comprende anche un’adeguata competenza relazionale e sociale definita dai bisogni stessi e dalle necessità dei figli in base ai quali il genitore attiverà le proprie qualità personali, tali da garantirne lo sviluppo psichico, affettivo, sociale e fisico.

STRUMENTI E MEDODI DI VALUTAZIONE DELLE CAPACITA’ GENITORIALI

In letteratura esistono diversi strumenti per la valutazione della genitorialità e dei livelli di rischio relativi a comportamenti e dinamiche genitoriali e familiari.

 Gli strumenti utilizzati durante il Corso saranno:

1)    Il Lausanne Trilogue Play(LTP) introdotto dal gruppo di Losanna e adattato da Mazzoni e Malagoli Togliatti (M. Malagoli Togliatti, S. Mazzoni, “Osservare, valutare e sostenere la relazione genitori-figli: il Lausanne Trilogue Play Clinic ”, Raffaello Cortina, Milano, 2006);

 

2)   Il Manuale di valutazione delle capacità genitoriali (Il Manuale di valutazione delle capacità genitoriali, Giovanni Battista Camerini, Laura Volpini e Giovanni Lopez, Maggioli Editore, 2011). Il questionario prevede la somministrazione al genitore di una serie di domande (items), in numero di 24, le quali esplorano capacità relative a tre diverse aree di funzionamento:
a) supporto sociale e capacità organizzativa: capacità di promuovere, accompagnare e sostenere i processi di sviluppo e di socializzazione e di adattamento all’ambiente esterno (coping);
b) protezione: capacità di proteggere e di tutelare il bambino nell’ambiente familiare, scolastico e sociale;
c) calore ed empatia (care): capacità di riconoscere i bisogni emotivi/affettivi del figlio e di fornire i supporti necessari.

 

3)    Il Disegno Congiunto della Famiglia (Il disegno congiunto della famiglia. Uno strumento per l’analisi delle relazioni familiari. Marialuisa Gennari e Giancarlo Tamanza, Franco Angeli, 2012). Il Disegno congiunto è uno strumento messo a punto negli anni settanta in uno studio di E. Bing, che cercava di combinare i vantaggi di una tecnica proiettiva con quelli di un compito interattivo focalizzato sul comportamento non verbale. 


MODALITA’ E DURATA DEL CORSO

Il corso ha una durata di 2 giorni (8 ore + 8 ore) durante le quali si lavorerà su casi clinici reali (videoregistrati), esercitazioni pratiche sulla somministrazione degli strumenti e la stesura della relazione finale. Si consiglia la lettura dei testi di riferimento. Costo 250 euro.

Info del corso

 

  • Dott. Vincenzo Amarante - 3397330166 - dott.amarante@gmail.com
  • Dott. Mario Brengola - 3286199027 - mario.brengola@gmail.com